A San Daniele ci si arriva per il famoso prosciutto, è fuor di dubbio. Ma fermarsi al prosciutto sarebbe un errore imperdonabile: questa porzione del Friuli offre al viaggiatore tutti i piatti tipici della regione, nati da una cucina semplice e antica, ma tutt’altro che povera nei sapori…

Famiglia Zurro

Si respira aria di rinnovamento in questa tradizionale trattoria: a Raffaele e Nella si sono affiancati i figli Caterina e Luca, che hanno apportato significativi ma non stravolgenti cambiamenti. La cucina resta nel solco della tradizione, con piatti curati e freschi, preparati con materie prime legate alle stagioni. Per iniziare: l’immancabile prosciutto di San Daniele (18 mesi), la trota regina, altra tipica produzione locale, servita su crostini, il salame nostrano adagiato su una fetta di polenta calda, il prosciutto di cervo su letto di rucola. Tra i primi le crespelle con gli asparagi o i risotti allo sclopìt (erba silene), gli gnocchi di zucca con la ricotta affumicata, la terrina di patate con funghi porcini. Da non dimenticare i piatti semplici della tradizione: l’orzo e fagioli, la minestra di riso e patate, il frico con patate e cipolla, le frittate con le erbe selvatiche, ed il classico abbinamento di brovade e muset. Gustose sono tutte le carni: il guanciale di vitello in umido, gli involtini, il vitello steccato o lo stinco al forno e, nella stagione fredda, la cacciagione o l’immancabile bollito. Troverete anche le fiorentine di manzo preparate e cucinate alla griglia con aromi delicati per mantenere il loro gusto inalterato. Il tutto accompagnato da oltre 100 etichette di ottimi vini friulani ed italiani. La conclusione è affidata a dolci al cucchiaio (bavarese alle fragole o all’arancia, delizia al cioccolato, crème caramel,crema al caffè) o a quelli più legati al territorio come lo strudel di mele, la torta di ricotta e cioccolato, la crostata di pere. Se preferite i biscotti tipici con un calice di buon ramandolo, oppure la cioccolata artigianale in abbinamento a diversi tipi di rum o al barolo chinato. E’ gradita la prenotazione.

“Nella composizione di un piatto si cerca sempre di rispettare
 il prodotto primo e il sapore semplice degli ingredienti”